Notizie

auteriIMG_5980

Pianificare il budget, quando arriva il momento dell’acquisto di una casa, è fondamentale. Sono tanti i fattori da prendere in considerazione e per non farvi trovare impreparati, ecco una lista di cose da tenere sempre a mente!

Comprare casa è un momento importantissimo nella vita di ognuno di noi, un sogno che diventa realtà. La gioia, però, non deve distrarre da alcune pratiche complesse, come pianificare il budget per acquistare l’immobile. Capita spesso di fare i conti con imprevisti e spese che non avevamo considerato, per cui vi daremo alcune dritte per calcolare al meglio il budget necessario.

Acquisto di una casa, le spese da pianificare

L’acquisto di una casa è un momento importante nella vita. Dopo aver trovato quella dei propri sogni, inizia la parte in cui bisogna confrontarsi con la realtà e con le tante spese da affrontate.
Non farti prendere dal panico, puoi affrontare tutto con pianificazione e pazienza! Vediamo quali:

  • La caparra
    La prima spesa da pianificare quando si vuole acquistare una casa è la caparra da versare al preliminare di vendita: si tratta di un acconto per bloccare l’immobile. Solitamente la cifra corrisponde al 10-15% del costo totale dell’appartamento.
  • Tasse e imposte
    Subito dopo la caparra, bisogna pensare alle spese per tasse e imposte previste dalla legge.
    Quando si compra casa, le imposte sono tre: di registro, catastale e ipotecaria.
    L’imposta di registro equivale al 2% o al 9% del valore catastale, a seconda che si tratti di prima casa o meno (se l’appartamento ha meno di cinque anni e viene acquistato dal costruttore, la cifra sarà 200 euro, a cui andrà aggiunta l’IVA: 4% per la prima casa, 10% seconda casa, 20% immobile di lusso); le imposte catastali e ipotecarie ammontano a 50 euro l’una se la casa è acquistata da un privato, 200 euro negli altri casi.
  • La parcella del notaio
    Altro fattore da considerare sono le spese notarili, con tariffe che variano in base al costo totale dell’immobile.
  • Ti consigliamo anche di tenere in considerazione le spese indirizzate verso eventuali ristrutturazioni, soprattutto se la casa non dovesse essere nuova.
    Ci riferiamo soprattutto a: impianto elettrico, impianto idraulico, installazione degli infissi, tinteggiatura, abbattimento o costruzione di divisori interni, demolizione e posa di pavimenti, etc.

  • Il mutuo
    Un’altra importantissima voce di costo è il mutuo: chiedere un finanziamento comporta delle spese, come:

    • La perizia effettuata dal tecnico della banca presso l’immobile, per un valore di 300 euro;
    • Le spese di istruttoria, che equivalgono all’1% del valore del mutuo;
    • L’imposta sostitutiva, che corrisponde allo 0.25 % o al 2% del valore del mutuo, a seconda che si tratti di prima o seconda casa.

    Rientrano anche tra i costi del mutuo le spese amministrative e l’assicurazione.

  • Gli arredi
    Infine, a meno che non si acquisti un immobile già arredato, bisognerà pensare all’arredamento. Qualora la casa sia da arredare interamente, vi consigliamo di procedere per priorità, acquistando prima i mobili delle stanze principali, e di farvi seguire da un interior designer che vi possa consigliare e aiutare nel miglior modo possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato.

Compare Properties

Compare (0)